26.7 C
Napoli
2 Luglio 2022

Chi siamo

Il Covid? Perdiamo sempre tempo. Ecco perché

di Massimo Ricciuti

Poche parole, ma ormai la direzione è stata presa. Ed è anche piuttosto evidente. A fronte di un cambio dell’”Agenda”, evidente per l’immane tragedia della guerra in Ucraina, si è accompagnato un cambio di narrazione sullo “stato dell’arte” della pandemia. Badate bene, secondo il Gimbe del Prof. Cartabellotta, il “modello Svedese” di gestione del Covid si è basato su tre punti che sono drammaticamente emersi con una violenza e un cinismo senza precedenti (manco Bolsonaro!). 1. Morfina agli anziani al posto dell’ossigeno. 2. Bambini utilizzati per veicolare il virus per raggiungere la ormai irraggiungibile immunità di gregge. 3. Manipolazione dei dati con conseguente minimizzazione dei decessi per Covid.

Tutto vero. Andare sul sito del Gimbe per verificare.

In tutto questo, solo ieri è stato dato il via libera ai medici di base per prescrivere il Paxvloid Pfizer che ridurrebbe dell’ottanta per cento le conseguenze gravi della malattia. Si tratta di una terapia che si deve intraprendere nei primi cinque giorni dalla positività. L’assurdità è che da inizio anno l’Italia dispone di centinaia di migliaia di dosi per terapie di Paxvloid ma fino a oggi per ignoranza e scarso coordinamento tra medici di base e specialisti ospedalieri non ne abbiamo usato manco mezza pasticca!

Quindi che si sappia, cari tutti, che da ora in poi avrete tutti, se contagiati, la possibilità e il diritto di chiedere la terapia, e il vostro medico avrà il dovere di visitarvi e procedere di coscienza! Sappiatelo!

Il ministro Speranza ha anche detto che in autunno si valuterà se è come procedere per estendere il secondo booster alle altre fasce d’età sotto gli ottantenni. Bene. Intanto la circolazione del virus ha ripreso  dannatamente, e tutti ormai sono senza ffp2 (dittatura!). Liberi. Finalmente. Come se il concetto di libertà si  valutasse in base al portare o meno le mascherine ! Se mai si misura il senso di responsabilità. Nascono nuove varianti, nuove ricombinanti etc. etc… Nel frattempo?

Non è che siamo in Brasile e non ce ne siamo neanche accorti?!

Articoli correlati

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli