18.9 C
Napoli
17 Aprile 2024

Chi siamo

Israele, Biden dove stavano Craxi ed Andreotti…

In Israele Benjamin Netanyahu ha esagerato. Le ragioni di Tel Aviv, dopo gli attacchi terroristici del 7 ottobre, sono diventate ‘nefandezze’. Il massacro dei civili è sotto gli occhi di tutti, donne, bambini ed anziani stanno pagando un prezzo altissimo. Troppo.
Ora anche gli Usa temono, rallentano nelle azioni di sostegno. Il Presidente Biden parlando con Netanyahu, due giorni fa, avrebbe detto: “La soluzione dei due Stati non è impossibile”.
Una chiara inversione di tendenza, più forte oggi alla luce dello scellerato disegno del premier israeliano che vuole ‘cancellare’ Gaza.
Biden arriva, trenta anni dopo, sulla posizione di Bettino Craxi e Giulio Andreotti, dello stesso Aldo Moro. A Washington solo Clinton si era spinto su tale impostazione.
I leader italiani, Craxi più degli altri, sposarono la causa ‘Due popoli, due Stati’, quando la posizione era impopolare nel Mondo occidentale e, comunque, mai incoraggiata da chi aveva importanti ruoli istituzionali.
Craxi lo fece quando Arafat imbracciava ancora il mitra e quando la lotta armata era la strategia palestinese. L’allora presidente del Consiglio riconobbe la legittimità della ‘lotta armata’. Lo fece per sintonizzarsi con le ragioni e per avviare un vero dialogo di pace.
Per Herry Kissinger il suo ruolo fu centrale per costruire la storica stretta di mano fra Yitzhak Rabin e Yasser Arafat il 13 settembre del 1993 alla Casa Bianca.

Poi passi indietro. Ora, forse, qualcosa cambia se sincera la posizione americana…

Articoli correlati

Ultimi Articoli