8.5 C
Napoli
24 Aprile 2024

Chi siamo

Il Var ed un’altra follia di Ikwemesi condannano una splendida Salernitana

di Vanni Vignes

L’ ennesimo errore grave di Ikwemesi, che si aggiunge ad un rigore discutibile assegnato dal Var, condannano ancora una volta la Salernitana proprio quando il traguardo sembrava raggiunto. Una prestazione maiuscola da parte dei granata, che nonostante un organico che definire rimaneggiato sarebbe eufemistico riesce a fare paura ai campioni d’Italia uscenti, ed il boato del Maradona al fischio finale testimonia il pomeriggio di terrore vissuto dai partenopei. Inzaghi schiera Martegani di fianco a Legowsky per un 3421 iniziale molto molto dinamico, che grazie al lavoro enorme di Candreva e Tchaouna sugli esterni, si trasformava in un 541 accorto e pronto alla ripartenza. A parte come detto Ikwemesi, con l’augurio di non rivederlo più in campo con la maglia granata, prestazione maiuscola da parte di tutti i calciatori ospiti, con Sambia strepitoso su Kwara tanto da costringere Mazzarri ad accentrarlo ed un sontuoso Candreva autore di un altro gol capolavoro che aveva regalato il meritato vantaggio ai granata. Poi tanto dinamismo, tanta grinta, tanta lucidità ed applicazione che hanno permesso alla Salernitana di essere sempre cortissima in qualunque zona del campo si sviluppasse l’azione, mandando così in tilt i piani dei partenopei. Discutibile il rigore assegnato al Napoli dal Var con il contatto Fazio/Simeone che oltre ad essere molto leggero avviene a pallone già sul fondo. Se proprio si vuole cercare qualcosa da imputare alla Salernitana, questo consiste nel 3 gol subito nei minuti di recupero nelle ultime 4 partite. Con Milan, Juve e Napoli infatti, cominciano ad essere troppi i punti sfuggiti di mano a tempo ormai scaduto. Di positivo peró c’é che questa squadra continua a dimostrare di avere un’anima, concetti di gioco, qualità e tanto tantissimo spirito di sacrificio. Con il mercato che adesso porterà innesti di qualità e che innalzeranno oltre che il tasso tecnico, anche quello puramente numerico della squadra, la salvezza non pare più un miraggio.

Articoli correlati

Ultimi Articoli