26.3 C
Napoli
22 Luglio 2024

Chi siamo

Napoli Capitale Europea dello Sport 2026

Aces Europe ha ufficializzato la scelta. Manfredi: “Ha vinto Il nostro
il nostro progetto di sport come grande strumento di inclusione”

Napoli sarà Capitale Europea dello Sport 2026. La designazione è stata
ufficializzata questa mattina dal presidente di Aces Europe, Gian
Francesco Lupattelli. La scelta è arrivata al termine di un lungo iter
nel corso del quale Napoli ha superato la concorrenza di altre
importanti città – ultima delle quali l’altra finalista, Saragozza – e
premia il lavoro sinergico dell’Amministrazione comunale e del Comitato
Regionale Campania Coni, promotore della candidatura. Ultima tappa del
percorso è stata, il mese scorso, la visita in città dei nove membri
della Commissione Aces Europe.

L’assegnazione del titolo di Capitale Europea dello Sport premia non
solo le capacità di ospitare competizioni agonistiche grazie alle
strutture di cui la città è dotata, ma anche le politiche per lo sport.
Napoli è stata definita, infatti – nelle motivazioni – “un lodevole
esempio di promozione dello sport per tutti, come mezzo per migliorare
la salute, promuovere l’integrazione sociale, facilitare l’istruzione e
promuovere il rispetto”.

La cerimonia di premiazione si terrà a dicembre 2025 a Bruxelles, nella
sede del Parlamento Europeo, dove Napoli raccoglierà il testimone da
Tallin, la città estone designata Capitale Europea dello Sport per il 2025.

“La designazione di Napoli come Capitale Europea dello Sport 2016 – ha
affermato il sindaco Gaetano Manfredi – è un riconoscimento alla città.
Ha vinto Napoli con la sua storia, la sua cultura, il suo talento e la
sua umanità. Il nostro progetto di sport come grande strumento di
inclusione è stato apprezzato a livello europeo. C’è stato un grande
impegno dell’Amministrazione insieme a tutto il mondo dello sport: il
Coni, le federazioni e le associazioni sportive, che ringrazio. Adesso
parte il lavoro da fare. Occorre investire ancora di più sugli impianti
sportivi e ci auguriamo nella cooperazione di tutte le istituzioni.
Coinvolgeremo anche gli altri comuni della città metropolitana perché
questo non sarà il progetto solo della città, ma del grande sistema Napoli”.

“È la vittoria di tutti i Napoletani – ha osservato l’assessore allo
Sport e alle Pari Opportunità, Emanuela Ferrante – perché è stata una
battaglia combattuta da tutti. Abbiamo quindi dimostrato di essere
capaci di raggiungere anche quelli che all’inizio pensavamo fossero
sogni realizzabili. Ringrazio Aces Europe per la fiducia dimostrata nei
nostri confronti: è la testimonianza del fatto che Napoli è diventa
credibile. Questo titolo è importante anche perché attrarrà tante
federazioni sportive che decideranno di tenere qui a Napoli competizioni
internazionali. Tutto questo avrà una ricaduta positiva per la città
anche in termini sociali ed economici”.

“Abbiamo da sempre voluto proiettare Napoli non solo in una dimensione
nazionale, ma europea – ha sottolineato il consigliere comunale e
presidente della Commissione consiliare Sport e Pari Opportunità,
Gennaro Esposito – Questo riconoscimento che ci viene proprio da
un’istituzione europea farà fare un salto di qualità a tutta la città.
È stato premiato anche il grande valore degli atleti napoletani che
quotidianamente si impegnano qui per raggiungere traguardi importanti.
Questa è una bella vittoria di squadra”.

“Napoli Capitale Europea dello Sport è una bellissima notizia, perché
dimostra – ha commentato Sergio Colella, consigliere comunale e delegato
allo Sport, Giovani ed Eventi della Città Metropolitana di Napoli – che
la nostra capacità di programmare, organizzare e promuovere eventi di
rilievo internazionale è riconosciuta e apprezzata anche in Europa. Come
Città Metropolitana abbiamo sostenuto fortemente questa candidatura e
siamo pronti a offrire il nostro importante contributo in termini di
riqualificazione dell’impiantistica sportiva, di supporto logistico e
organizzativo”.

Articoli correlati

Ultimi Articoli