8.5 C
Napoli
24 Aprile 2024

Chi siamo

Il Signor No c’è…Calenda dice No. E fa autogol su Cesaro 

Il Socialista Impertinente

“Abbiamo appreso dai giornali che sarebbe stato raggiunto un accordo tra Più Europa, Il Centro di Matteo Renzi e Armando Cesaro, la Nuova DC di Cuffaro e Mastella. Azione non farà parte di questa compagine” dice, senza smentire la sua inadeguatezza alla politica, Carlo Calenda.

“Le ragioni sono evidenti” spiega, tenta. “Non si costruisce una lista dicendo che ‘il giorno dopo ognuno andrà per conto suo’ e non si mettono insieme profili così diversi e in molti casi discutibili” argomenta calpestando il garantismo e manifestando impotenza per quello che ad altri riesci ed a lui No. Renzi sta mettendo insieme culture politiche, come si fa nei tentativi per allargare, lui fa il ‘fustigatore’, e rincorre il Pri, che purtroppo non esiste, ed una fantomatica sigla dei socialisti liberali (in verità un ex della politica che ha lasciato Maraio). Rosica perchè gli riesce in piccolo quello che a Matteo ha un respiro diverso.

Su Cesaro, poi il capolavoro. Calenda mortifica il garantismo con le illazioni fuori luogo e mette in crisi i suoi in Campania. Parlamentari ed ex Ministri, che animano Azione in Campania, tanto devono ad Armando. Intelligenti pauca e ci fermiamo qui per non diventare come lui. Le sue dichiarazioni infastidiscono i suoi che giustizialisti non sono e tanti di cultura democristiana che lo hanno scelto e già pensano di mollare.

Nel finale della sua considerazione la sagra dell’ovvio.

“Abbiamo proposto a Più Europa di costruire un progetto insieme all’insegna dei valori di qualità, coerenza ed europeismo che ci contraddistinguono. Questa porta è sempre stata aperta e rimane aperta anche oggi. La scelta spetta a loro”. 

Hanno già scelto e lui per fare il primo della classe non c’è. 

Articoli correlati

Ultimi Articoli