13.7 C
Napoli
18 Aprile 2024

Chi siamo

Coldiretti: “Le risposte agli agricoltori? Dal confronto”

“Da Bruxelles sono arrivate risposte alle istanze degli agricoltori. Le manifestazioni di piazza sono state importanti. Però attenzione: le proteste hanno accelerato le decisioni ma le soluzioni non sono venute dalla piazza ma dal lavoro e dal confronto impostato nei mesi scorsi con le istituzioni e con gli altri governi”. Lo dice il presidente della Coldiretti Ettore Prandini a Il Sole 24 Ore, con lui un primo bilancio delle risposte messe in campo da Bruxelles. “Fondamentale – spiega- è stata la battaglia condotta dalla premier Meloni per la revisione dei vincoli sugli aiuti di Stato. Per primi, avevamo chiesto la revisione al rialzo dei precedenti tetti e l’utilizzo di questa misura anche per la moratoria dei debiti delle imprese agricole. Aver raggiunto questi risultati è stato un contributo decisivo per alleviare le difficoltà degli agricoltori”. Risposte dalla Ue sono arrivate anche sulla Pac, sui fertilizzanti, sul packaging. “Gli europarlamentari italiani hanno lavorato al di là degli schieramenti tutelando gli interessi del nostro Paese – aggiunge- o cercando di limitare l’impatto di decisioni Ue che avrebbero potuto essere penalizzanti. Ad esempio, sul dossier imballaggi si è riusciti a recuperare parte degli investimenti effettuati dal nostro Paese sul riciclo e che rischiavano di essere vanificati. Abbiamo ottenuto la riapertura del capitolo sui fertilizzanti e maggiore flessibilità sulle emissioni”.

“Sulla Pac rilevante la forte semplificazione burocratica per le 500mila imprese italiane con meno di 10 ettari di superficie. E un dimezzamento della burocrazia avverrà anche per quelle più grandi. Tempestiva anche l’introduzione dei dazi sul grano russo” conclude.

Articoli correlati

Ultimi Articoli