15.6 C
Napoli
23 Aprile 2024

Chi siamo

Beatrice Segreti con la Ferragni per smontare gli stereotipi sulle donne “Dalla parte delle libertà”

La giovane Beatrice Segreti, in arte Bea Secrets, nata in Piemonte e trasferitasi in provincia Verona parla e lo fa con coraggio.
Oggi, dopo aver lavorato anche in gioielleria e in un ristorante, è tra le creators di OnlyFans più famose d’Italia. Una donna libera che ama il proprio lavoro. A lei abbiamo chiesto di commentare la Ferragni a Sanremo e il video diventato virale dell’ingegnera sottopagata, in un momento in cui il mondo del lavoro è stato completamente stravolto. 

Ho sempre ammirato Chiara Ferragni, nata come influencer ma evolutasi fino a diventare un’Imprenditrice, oltre che una Madre e una Moglie stupenda


Beatrice, sui media imperversano le polemiche legate a Sanremo in merito ai forti messaggi lanciati da Chiara Ferragni attraverso gli abiti indossati ed il monologo. Tu cosa ne pensi? 

“Ho sempre ammirato Chiara Ferragni, nata come influencer ma evolutasi fino a diventare un’Imprenditrice, oltre che una Madre e una Moglie stupenda. Una donna che trovo abbia avuto molto coraggio nel portare un messaggio così forte a Sanremo (“Se nascondi il tuo corpo sei una suora, se lo mostri sei una tr**a), un messaggio che probabilmente tutti già sappiamo e che io stessa fin da piccola volevo combattere quando mi veniva detto che una ragazza che va con tanti ragazzi è una tr**a, mentre un ragazzo che va con tante donne è un figo. La Ferragni è riuscita a lanciare questo messaggio in tutta Italia e nel Mondo, dal momento che è anche un riferimento internazionale. E’ riuscita ad unire alla comunicazione verbale, anche quella non verbale, utilizzando il dress code, indossando dei vestiti d’impatto, quasi un pugno nell’occhio, ma che celano tutte le difficoltà che può incontrare una donna nella sua vita: haters, non accettazione del proprio corpo, non riuscire ad esprimere sé stesse, giudizi e moralità fondate su cosa? Sono molto felice perché oltre a sentirmi presa in causa come creator, difendendo il diritto di essere padroni del nostro corpo e farne l’uso che vogliamo, anche il giorno in cui diventerò madre potrò combattere questa causa non sentendomi in colpa se voglio rimanere sexy, se voglio piacermi e se vorrò ricoprire sempre diversi ruoli (donna, moglie, lavoratrice, modella), senza diventare solo ed esclusivamente “madre”, snaturando la mia natura. Chiara: hai lanciato un messaggio, l’hai fatto con semplicità e hai dato coraggio a tante donne. Mi viene da dire quindi “Sì cazzo”, dobbiamo continuare a ricordarlo al mondo e agli uomini (e purtroppo anche alcune donne, perché anche noi sappiamo essere cattive e nel mio caso spesso vengo attaccata prima da loro) che pensano di avere il potere di commentare, di odiare e di disprezzare altre persone solo perché fanno qualcosa che va contro il loro modo di pensate. Amiamoci, vogliamoci bene e lasciamo vivere gli altri in serenità perché quando non facciamo del male a nessuno non c’è motivo di rispondere male”. 

Il problema non sono i guadagni di OnlyFans che sono alti, bensì che la media italiana degli stipendi è molto bassa, in particolare se paragonata agli standard europei

Qualche giorno da sei intervenuta commentando la ragazza ingegnere che, in un video diventato virale, denuncia di aver ricevuto un offerta di lavoro, dopo tanto anni di studio ed in tirocinio, pari a 750 euro. Cosa puoi dirci in merito? 

“Ho ribaltato più volte la domanda verso chi mi ha posto il quesito riguardo i guadagni importanti, che alcuni definiscono “facili”, derivanti dal mio lavoro su OnlyFans. Ho chiesto loro infatti come mai nessuno si scandalizza per gli stipendi sempre piu bassi nel nostro Paese, in particolar modo verso i giovani, ma non solo, che spesso non riescono a mantenersi da soli, soprattutto nelle grandi città. Il problema non sono i guadagni di OnlyFans che sono alti, bensì che la media italiana degli stipendi è molto bassa, in particolare se paragonata agli standard europei. Laureati, professori, persone che per mestiere salvano le vite altrui o che svolgono lavori pesanti e manuali. E’ importante che ai giovani si lasci la libertà di scegliere quale lavoro svolgere, qualsiasi esso sia ma che, al contempo, questo permetta di vivere con dignità e non di sopravvivere. Comprendo pertanto la visione della ragazza perchè, in Italia, per quanto possiamo sforzarci di studiare, prepararci e competere, resta sempre il dubbio che effettivamente ne valga la pena. L’economia italiana è così stagnante che gli stipendi italiani restano gli stessi di 10 anni fa. L’obiettivo non dovrebbe essere quello di galleggiare per decenni in un sistema non meritocratico. E’ assurdo pensare che a 25-30 anni si abbia paura addirittura di avere figli, non perchè manchi il senso di responsabilità, ma per il dramma economico”. 

Si parla spesso dei guadagni “facili” e spropositati che si fanno oggi sui social. Anche tu sei stata spesso additata per questo. Come commenti chi non considera ciò che tu fai un vero e proprio lavoro? 

“Per quanto riguarda i guadagni di OnlyFans, in realtà tengo a specificare che c’è molta disinformazione perché molti sono luoghi comuni. Quando si menzionano i miei guadagni mensili, piuttosto che di altri personaggi famosi, si parla solo dell’1% di coloro che svolgono questa professione. In realtà il 99% delle creator di OnlyFans guadagna solo qualche centinaia di euro al mese. Io porto sempre l’esempio della parcella di un avvocato conosciuto, quello che si definisce il migliore in un determinato campo e poi si paragonano gli introiti di tanti avvocati, certamente capaci ma poco conosciuti. Chi guadagna tanto su OnlyFans equivale alla percentuale di persone che guadagna tanto in qualsiasi categoria lavorativa, né più né meno”. 

Articoli correlati

Ultimi Articoli