16.2 C
Napoli
23 Aprile 2024

Chi siamo

”Noi Ricordiamo, ogni giorno”. Lega Serie A in campo contro il razzismo

Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata per commemorare le vittime dell’Olocausto. La data ricorda il giorno in cui, nel 1945, furono abbattuti i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz segnando la fine della più indicibile barbarie dell’umanità. Ricordare lo sterminio del popolo ebraico, le vittime del nazismo e del fascismo per tenere viva la Memoria e coltivare la speranza per il futuro delle nuove generazioni. Con questo spirito l’Unar – l’Ufficio Antidiscriminazioni razziali della Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Lega Serie A si apprestano a celebrare insieme il Giorno della Memoria. Noi Ricordiamo, ogni giorno. #NoiRicordiamo è il claim che sarà presente nelle grafiche televisive in onda prima di ogni partita della 20ª Giornata di Campionato e sui canali di comunicazione di Unar e Lega Serie A. Continua così il cammino intrapreso da alcuni anni da Unar e Lega Serie A, impegnati a costruire e diffondere messaggi di rispetto, inclusione, prevenzione e di contrasto a ogni forma di discriminazione. ”Il calcio ha una valenza sociale straordinaria ed è importante che possa contribuire a tenere viva la memoria e tramandare alle nuove generazioni il ricordo di una delle più grandi tragedie dell’umanità -ha dichiarato il Presidente della Lega Serie A, Lorenzo Casini-. Il recente accordo siglato con il Ministero dell’Istruzione è finalizzato proprio all’utilizzo del nostro sport quale strumento per diffondere tra i ragazzi messaggi di grande valore. ”Noi Ricordiamo, ogni giorno”, è il claim che sarà presente nelle grafiche televisive in onda nel pre-gara di tutte le partite della 20ª Giornata di Campionato, allo stesso tempo i nostri canali di comunicazione focalizzeranno la loro attenzione sulla giornata della memoria, perché mai vanno dimenticate le vittime di una delle pagine più buie della storia”. ”Tenere viva la memoria storica di questa giornata in cui ricordiamo le vittime dell’Olocausto -dichiara Mattia Peradotto Direttore generale dell’Unar- è un’occasione per riflettere sulle cause di un doloroso passato e al tempo stesso rafforzare le basi, attivarsi, affinché non solo oggi ma sempre non si possa ripetersi la più indicibile barbarie dell’umanità. Penso che salvaguardia di questa memoria rappresenti un preciso dovere di ogni istituzione, specialmente nei riguardi delle nuove generazioni. L’assunzione di responsabilità da parte di tutti noi, per contrastare razzismo, xenofobia ed ogni forma di discriminazione anche nel mondo dello sport, è fondamentale per la crescita culturale dei giovani verso una società più aperta e inclusiva”, conclude Peradotto. 

Articoli correlati

Ultimi Articoli