6.9 C
Napoli
27 Gennaio 2023

Chi siamo

Calcio e Europei, la vittoria della rinascita

Di Luca Mazzeo

Da quasi due anni siamo reclusi nelle nostre case, come se avessimo commesso uno dei reati più efferati, quando poi sappiamo  benissimo che pure per chi ha commesso reati ad ampio spettro è prevista l’ora d aria.

Era l’otto marzo 2019, data che resterà impressa nella mente, fu l’inizio di un vero e proprio incubo.

Nel vocabolario quotidiano abbiamo dovuto aggiungere una parola atroce, difficile da accettare e da assimilare: Distanziamento.

Da quell’istante sono crollate tutte le certezze. Tutto questo  per colpa di un virus che non conosce sentimento. Inoltre tale virus ha imbavagliato le nostre bocche, togliendoci il sapore di un bacio, e ha bloccato le nostre braccia in maniera così forte da far perdere il calore di un abbraccio e di una carezza, che sono baluardo fondamentale per svitare la distruzione della psiche.

Va chiarito che la persona originariamente ha una chiave psicologica precisa, così determinata.

Primo strato: Consapevolezza

Secondo strato: Conoscenza

Terzo strato: Autodeterminazione

Quarto strato: Determinazione

Quinto e ultimo strato: Chiarezza degli obiettivi.

Attualmente, invece, ha subito significative mutazioni, trasformandosi nel seguente modo:

Primo strato: Consapevolezza della solitudine

Secondo strato: Assenza di affettività

Terzo strato: Consolidamento dell’anaffettività

Quarto strato: Depressone

Quinto Strato: Panico e incertezza.

Un barlume di speranza si è avuto grazie ai campionati europei. Poiché la stragrande maggioranza degli italiani e non solo, hanno potuto sfoggiare le migliori urla per le rispettive nazionali, liberando la mente per qualche ora la mente dai problemi, pandemia compresa.

Il calcio quasi sempre viene dequalificato, in maniera ingiusta, perché definito soltanto di contatto, oppure mortificato come fonte di guadagno facile.

La dequalificazione e la mortificazione sono state volutamente sottolineate in rosso, per evidenziare l’inqualificabile irriconoscenza nei confronti di tale disciplina.

Il calcio è terapia, per il corpo, coloro che l’osservano in tv si immedesimano nei loro beniamini, sentendosi anche loro eroi per  un istante: il calcio è terapia interiore, attraverso il quale, si ha la possibilità di esplicitare tutti gli stati d’animo,anche quelli più nascosti, che molto probabilmente non si conoscevano prima.

 Ad ogni uno di noi sarà capitato di vivere momenti no scaturiti, ad esempio da litigi familiari, in tale circostanza il calcio ti avita di commettere errori irreparabili, essendo un ottimo scaricatore di rabbia. La vittoria della nostra nazionale,ha eliminato tutte le disuguaglianze, le distanze e ha fatto rivedere un barlume di luce,dopo tanta agonie.

La vittoria dei nostri eroi è riuscita a dare speranza a tutti. Inoltre tutti, indistintamente, grazie alla loro umiltà hanno fatto campire, che dietro la parola calcio, pur essendo una parola corta c’è tanto altro.

 C: Condivisione

 A:Amore

 L: L’anima

 C: Cuore

 I: Integrazione

O:Onore

Tutte componenti che hanno permesso da sempre di eliminare per sempre la disabilità.

 In altre parole questi ragazzi capitanati da un grande mister e uomo come Roberto Mancini sono riusciti a fare ciò che la politica non fa da secoli. Quindi noi ci inginocchiamo dinanzi a loro ringraziandoli di vero cuore per averci reso tutti uguali, ma pretendiamo che ogni politico si inginocchi chiedendo scusa, perché si sono dimostrati i veri razzisti nei confronti del sociale.

 Ribadendo che tutto ciò non è normale, ci sentiamo di dare un consiglio: “Se conoscete la vergogna, vergognatevi e poi con la stessa spostate il vostro sedere da ogni palazzo e andate a casa”

 Date voce al popolo, questo è l’unico metodo per la definitiva rinascita. Riflettiamo.

Articoli correlati

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli