10.9 C
Napoli
29 Novembre 2022

Chi siamo

Grande Napoli contro il Toro. Spalletti ”Felice per la classifica ma serve continuità”

“La classifica e’ importante, perche’ hai giocato contro squadre importanti vincendo partite che hanno un valore. Ma e’ importante la classifica se riusciamo a dare seguito con altre vittorie, altrimenti rimangono successi che non pesano perche’ non dai continuita’”. Luciano Spalletti commenta cosi’ il successo del Napoli sul Torino, godendosi la testa della classifica in attesa dell’Atalanta che gioca domani. Il tecnico del Napoli da’ valore al match che ha visto gli azzurri scattare sul 3-0 nei primi 40′ per poi reggere al ritorno del Torino: “Abbiamo vinto meritatamente, siamo felici – ha spiegato – ma sappiamo anche di poter fare qualcosa di piu’. Bisogna mettere mano anche alle nostre ‘non qualita”. Penso a Politano e Kvara che hanno fatto delle corse indietro per coprire, dando un vantaggio al Napoli. Il Torino ha giocatori importanti, hanno saputo giocarla imponendo il proprio urto, noi abbiamo retto con il fisico di Anguissa, di Kim, nel coprire, tenendola in equilibrio con Meret che ha fatto due interventi importanti. Abbiamo vinto una partita meritata. Vincere nonostante le cento difficolta’ e’ un segno di aver fatto qualcosa di diverso”. Spalletti sottolinea anche la necessita’ di fare rotazione senza guardare a titolari e riserve: “Non esistono piu’ questi ragionamenti – ha detto – ne’ su Raspadori e Simeone, ne’ su Politano e Lozano. Se mettevo in avvio Simeone ad esempio, vincevamo lo stesso. Io lo so e questo Calcio con cinque cambi e’ cambiato davvero, titolare e riserva sono idee del passato” Per il tecnico del Torino Ivan Juric la partita e’ stata persa per un avvio pieno di errori: “I miei non sono entrati male in campo – ha detto – avevano voglia di fare, ma hanno fatto errori gravi di attenzione, concentrazione, e di lettura che il Napoli ha sfruttato alla grande. Non so, capiremo nei prossimi giorni. Forse anche i nazionali sono arrivati svuotati dopo le nazionali ma la mancanza di cura nei particolari ha inciso e il Napoli lo ha sfruttato subito”. Per l’allenatore e’ mancata “l’attenzione al dettaglio – ha detto – in particolare nel primo tempo. Ci sono particolari che normalmente sempre riuscivamo a rimediare e invece sono diventati errori che paghiamo. Per il resto abbiamo anche giocato bene, abbiamo create tante occasioni contro il Napoli, abbiamo fatto momenti di gara molto belli. Ma quando mancano dettagli come all’inizio tutto diventa difficile”. Juric commenta anche la sua espulsione nella ripresa per le proteste contro l’arbitro: “Mi sembrava – ha detto – ci fosse un fallo netto di Rui che meritava l’ammonizione. Era accaduto proprio davanti a me mi sembrava molto ovvio e palese. La mia e’ stata una reazione istintiva e quindi sono stato espulso. Il fallo mi era chiaro poi magari mi sbaglio io. La prossima non ci sono? L’importante e’ fare un cammino in cui la squadra deve diventare piu’ tosta, abbiamo ragazzi introversi, chiusi, non e’ facile sempre avere la giusta unione”. 

Articoli correlati

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli