26.7 C
Napoli
2 Luglio 2022

Chi siamo

La prudenza non e’ mai troppa, la BA.5 come Delta 

di Massimo Ricciuti

Ci avviamo al fatidico 15 giugno, giorno in cui verrà meno l’obbligo di utilizzo delle mascherine al chiuso. La bella stagione è ormai esplosa, ed il caldo si fa sentire parecchio. Un caldo estremo. Capiamo che l’uso delle ffp2 sia forse scomodo. Ma se cade l’obbligo nulla vieta di continuare a essere prudenti, soprattutto sui mezzi di trasporto come treni, bus, metrò, aliscafi, traghetti etc. Se vogliamo davvero goderci l’estate, impariamo a considerare l’uso del più elementare mezzo di protezione come utilizziamo gli occhiali da sole, la cintura di sicurezza in auto o il casco in Vespa!

Diciamo questo in quanto al contrario di quel che si pensa, numerosi studi scientifici pubblicati anche su riviste internazionali come Nature e Lancet ci dicono di fare molta attenzione. Già, perché le sottovarianti Omicron, in particolare la cosiddetta BA.5 presentano mutazioni che le rendono non solo molto contagiose ma decisamente più patogene. I dati sono il risultato di una ricerca condotta in Giappone e coordinata dal Prof. Izumi Kimur, dell’Università di Tokyo. Innanzitutto ci sono due mutazioni che permettono al virus di legarsi alle cellule umane in modo estremamente efficace, come spiega anche il Prof. Francesco Broccolo dell’Università Bicocca di Milano, queste mutazioni sono all’origine dell’esplosione del numero dei contagi in Portogallo e in Germania. Secondo quanto riporta l’Agenzia Britannica per la Sicurezza Sanitaria (UKHSA) nello specifico i motivi di allarme sono almeno tre. La mutazione L452R che da sola è in grado di far cambiare moltissimo la struttura della proteina Spike è una di queste. Non è una mutazione nuova perche già presente nelle varianti Delta e Lamda. Ma questo basta a rendere la variante ancora più contagiosa di Omicron originale. Il secondo elemento è fornito dai dati secondo i quali la BA.5 sarebbe più capace di eludere gli anticorpi indotti dal vaccino e da un precedente contagio. Infine il terzo elemento è quello più allarmante. E riguarda il fatto che la BA.5 è proprio come Delta, cioè è sinciziale. Quindi è capace di colpire le cellule polmonari, fin’ora risparmiate da Omicron (dato che aveva reso questa variante meno aggressiva). Quindi abbiamo a che fare con una variante più contagiosa di Omicron ma anche letale quanto lo era Delta!!! Tutto questo ci fa capire che la strada versoo una “raffreddorizzazione” del virus è ancora in salita.

Non solo, ma si parla di “ribattezzare” la variante con un nuovo nome. E’ a tutti gli effetti un’altra variante, per altro responsabile, a questo punto, non solo dell’elevatissimo numero di contagi che si sta verificando in Portogallo e in Germania ma anche, purtroppo, dello strano aumento dei decessi. Come mai prima. Nel resto d’Europa è partita la caccia al virus con i sequenziamenti e con i tamponi (in GB ne fanno quasi un milione al giorno, nonostante , anzi proprio le riaperture per gestire e monitorare l’andamento della pandemia). In Italia siamo gli ultimi sia per numero di tamponi sia per sequenziamenti! L’ultimo report risale al 3 maggio!!!

Eppure sarebbe nell’interesse di tutti goderci in modo rilassato l’estate. Cerchiamo di arrivare a settembre con un vaccino aggiornato… E con un po’ di buonsenso.

Articoli correlati

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli