23.4 C
Napoli
20 Maggio 2022

Chi siamo

Progetto Charity della SSC Napoli, all’asta la maglia di Kalidou Koulibaly

Nuova asta per il progetto Charity della SSC Napoli: a partire da Lunedì 4 Aprile verrà messa all’asta la maglia indossata da Kalidou Koulibaly durante Salernitana – Napoli, il ricavato verrà devoluto all’associazione Tutta n’ata storia.

L’asta è disponibile qui.

Oltre a destinare il ricavato delle aste alle associazioni no profit, uno degli obiettivi del progetto “SSC Napoli Charity” è quello di “accendere un faro” sulle attività sociali di tali associazioni.

La SSC Napoli collabora con eBay, ed in particolare con la sezione Beneficenza, con l’intento di sostenere e promuovere gli eventi e le attività di beneficenza in Italia e nel Mondo.

Modalità di partecipazione

Le associazioni no profit che intendono partecipare al progetto possono iscriversi attraverso il modulo online presente sul sito sscnapoli.it all’interno della sezione “Progetto SSC Napoli Charity”.

Le organizzazioni no profit che rispetteranno i requisiti necessari per la partecipa-zione a “SSC Napoli Charity” saranno contattate dal club, e potranno beneficiare del ricavato delle aste loro dedicate.

Beneficiario dell’asta

L’intero ricavato dell’asta verrà devoluto all’associazione Tutta n’ata storia.

Tutta n’ata storia promuove l’attività associativa e il giornalismo come strumenti a servizio del sociale, per stimolare il pensiero critico e la partecipazione alla crescita del territorio, diffondere i valori di legalità e democrazia, incentivare l’aggregazione e il confronto… Il tutto attraverso iniziative principalmente culturali e di volontariato. A rappresentare la nostra mission e vision, il nome e il logo scelti. “Tutta n’ata storia” è stata cantata da Pino Daniele, in cui rivediamo soprattutto il legame col territorio. Il logo da noi realizzato, poi, è un’immagine a doppia interpretazione: un megafono, strumento per diffondere la bellezza delle idee libere; una matita, simbolo della libertà di espressione. Voglia di dire e di fare, ma sempre per raccontare (o realizzare) tutta n’ata storia.

Articoli correlati

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli