26.7 C
Napoli
2 Luglio 2022

Chi siamo

La Chiesa di Napoli e le riflessioni contro la camorra

“Non si tratta di un semplice convegno, ma di un tavolo di confronto che mette insieme realta’ ecclesiali e civili per fare sistema contro la camorra. Combattere la camorra e’ per il cristiano una scelta obbligata. E’ il Vangelo che ci impone di farlo, chiedendoci di essere affamati e assetati di giustizia! Non abbiamo alternativa. Ci sostengono e ci confortano gli esempi di don Peppe Diana, don Pino Puglisi, Rosario Livatino e tanti altri”. Cosi’ don Francesco Asti, Decano della Pontificia Facolta’ Teologica dell’Italia Meridionale (PFTIM) – sezione San Tommaso d’Aquino, ha commentato la giornata di lavori contro la camorra fortemente voluta dall’arcivescovo metropolita don Mimmo Battaglia. L’iniziativa domani a partire dalle ore 9, presso l’Aula Magna della sezione San Tommaso d’Aquino della Pontificia Facolta’ Teologica dell’Italia Meridionale (PFTIM), in viale Colli Aminei 2, dal titolo “Perche’ la camorra non uccida Napoli… Tu da che parte stai? Per risvegliare la coscienza ecclesiale e civile”.

Il programma

L’evento, che vede coinvolti insieme alla Chiesa di Napoli e alla Facolta’ teologica anche la Corte di Appello, la Procura della Repubblica, il mondo del giornalismo, delle forze dell’ordine e dell’associazionismo antimafia, prendera’ il via con i saluti istituzionali dello stesso decano Asti, di Gaetano Manfredi, sindaco di Napoli, e Luigi Riello, procuratore generale presso la Corte di Appello di Napoli. A seguire, avranno luogo la relazione di Giovanni Melillo, procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Napoli, e gli interventi di Alfredo Fabbrocini, capo della squadra mobile di Napoli, Andrea Manti, comandante del ROS di Napoli, e Danilo Toma, comandante del Gico di Napoli. Nella successiva sessione dei lavori, a partire dalle ore 10.20, sono previsti la relazione di Marcello Cozzi, docente dell’Istituto Teologico di Anagni, e gli interventi di don Tonino Palmese, docente PFTIM, di don Giorgio Pisano, parroco e decano, e di Madre Debora Contessi, suora delle Poverelle. Seguira’ una discussione aperta con interventi dei giornalisti Enzo D’Errico, direttore del Corriere del Mezzogiorno, Federico Monga, direttore de Il Mattino, Ottavio Ragone, direttore di Repubblica Napoli, e Pasquale Clemente, direttore del quotidiano Roma. Conclusioni di don Luigi Ciotti, fondatore di Libera. Saluti finali: don Mimmo Battaglia, arcivescovo metropolita di Napoli e gran cancelliere della Facolta’ teologica. Coordinatore e moderatore dell’incontro il caporedattore tgr Rai, Antonello Perillo.

Articoli correlati

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli