11.2 C
Napoli
7 Dicembre 2021

Chi siamo

L’arcivescovo di Napoli ai preti ‘no vax’: “Fate il tampone”

 “Lo stato di emergenza, prorogato dal Governo italiano fino al prossimo 31 dicembre 2021 a causa della nota pandemia in atto, richiede a tutti, specialmente a coloro che per varie ragioni si trovano a contatto con persone di diversa età e condizione di salute, l’adozione di comportamenti responsabili e generosi”. Lo scrive l’arcivescovo di Napoli Domenico Battaglia, in una lettera inviata ai sacerdoti, diaconi, ai ministri straordinari della Comunione, agli operatori pastorali dell’Arcidiocesi di Napoli.

“D’altronde la stessa Conferenza Episcopale Italiana – scrive – nella recente nota del 1° ottobre ribadiva ‘l’invito, soprattutto per coloro che a vario titolo sono coinvolti in attività pastorali caratterizzate da maggior rischio di contagio, di accedere, in mancanza di documentati impedimenti, alla vaccinazione quale concreto gesto e atto di amore verso il prossimo’”. “Tuttavia, alcune persone – ricorda Battaglia -, tra cui qualche ministro ordinato e qualche operatore pastorale, mi hanno manifestato la loro impossibilità fisica o morale a sottoporsi alla vaccinazione.Pertanto, tenuto conto di tutto ciò, chiedo a tutti coloro che intendono comunque svolgere il loro servizio a favore del Popolo di Dio, di sottoporsi al tampone rinofaringeo secondo le disposizioni delle Autorità sanitarie al fine di accertare la loro negatività al SarsCov2”. 

Articoli correlati

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli