20.7 C
Napoli
26 Ottobre 2021

Chi siamo

La funzione “liberale” del socialismo

Di Carlo Roselli*

Usando quest’espressione, ringrazio Guido De Ruggiero, filosofo di fama, per averla coniata e per avermela prestata. È così, lo credo profondamente.

Lo credevo già nel 1929, quando sull’isola di Lipari – dove il regime m’aveva confinato – avevo scritto Socialismo liberale, per il quale ancora oggi vengo ricordato.

Era tuttavia, e paradossalmente, più semplice allora sostenere quest’idea: il liberalismo – diritti inviolabili dell’uomo, stato di diritto, proprietà privata – godeva di ampia legittimazione intellettuale e speculativa, per quanto il periodo fosse macchiato dalla dittatura fascista, e anche il socialismo studiato non stava male (quello politico un po’ peggio). 

È vero, popolari e socialisti, miopi nelle loro rispettive posizioni, avevano scelto di non compromettersi vicendevolmente, lasciando spazio a Mussolini ma almeno astrattamente rappresentavano quel nucleo duro dal quale, con assoluta certezza, si sarebbe ripartitonon appena la parabola totalitaria fosse stata archiviata. 

Come infatti è stato.

È più difficile sostenerlo ora, dicevo, quanto sia importante sottolineare la funzione liberale del socialismo. Diamo qualche dato, così da capirci meglio: la globalizzazione, ad esempio, ha avuto tra i suoi meriti più evidenti quello di abbattere nel mondo la povertà assoluta. Ci sono Paese in via di sviluppo – penso al Vietnam, giusto per dirne uno – che prima della pandemia crescevano del 7-8%, cifre che noi europei sogniamo. 

La globalizzazione è stata anche “compressione spazio-temporale”; ha, essenzialmente, accorciato le distanze, permesso meticciati culturali, aperto le menti, influenzato e incuriosito. Ha incrementato i livelli di import e di export, migliorando il commercio.

Tutto bene, quindi? No, perché ha anche accresciuto le diseguaglianze economiche all’interno degli stessi Paesi, provocando quel fenomeno che è stato definito di indianizzazione.

La globalizzazione ha determinato una nuova frattura politica: i vincitori – quelli che, della globalizzazione, hanno beneficiato perché già orientati verso un tenore di vita alto – ed i vinti – che hanno visto il mondo ingrandirsi ed espandersi e loro rimanere piccoli e insignificanti. 

Ecco perché dobbiamo riscoprire, oggi più che mai, la funzione “liberale” del socialismo, soprattutto del socialismo culturale. 

Parlo di socialismo culturale come di quello orientato a capire i problemi della povera gente, ad ascoltare gli ultimi, a dare legittimazione alle proprie paure, ai propri timori. Il socialismo che “condanna il crimine e le sue cause” e cioè povertà, miserie, ignoranza, come sosteneva Tony Blair, il socialismo che pone al centro meriti e bisogni, come pure ormai quarant’anni fa teorizzava Claudio Martelli.

Un socialismo che non abbia la pretesa di avere in mano una ricetta economica vincente ma che stia zitto, ascolti e provveda ad aiutare, a migliorare vite.

Un socialismo che non prescriva ma che guidi, che non imponga ma che curi. Che non nazionalizzi, per capirci, ma che tenga alto il tema del lavoro e della sua dignità, che si preoccupi per tutti i lavoratori attraverso ricette pragmatiche e realizzabili, non con dogmi superati dai tempi.

Io, per sostenere ciò, ho perso la vita. 

Voi, con molto meno, potrete fare un gran servigio per l’umanità.

Articoli correlati

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli